Il saggio breve è molto spesso presente tra le tracce del compito di italiano o nelle prove d’esame. Molti studenti sottovalutano questa prova poiché la reputano solo un tema come un altro, ma in realtà così non è. La forma saggistica ha come destinatario ideale un pubblico che ha un particolare interesse per la disciplina trattata e possiede già notevoli conoscenze sull’argomento in questione. Per questo molto spesso si dovrà utilizzare un linguaggio ed uno stile più formale. Ecco perché quest’oggi ho deciso di venirvi incontro aiutandovi a fare un saggio breve perfetto e bello da leggere.

saggio breve

Guida alla scrittura di un saggio breve

Per scrivere un saggio breve è indispensabile seguire alcune linee guida fondamentali: analizzare i documenti ed il materiale proposto nella traccia della prova, cercando dei collegamenti tra i vari testi proposti; individuare i concetti principali che emergono dai testi e stendere una mappa sui vari punti di cui si vuole parlare nel saggio (indicando le citazioni a cui si farà riferimento per esporre la propria tesi); scrivere il saggio, facendo attenzione ad articolare bene la suddivisione in paragrafi e la loro connessione; correggere il saggio (prestando attenzione ai contenuti generali di ogni paragrafo, alla forma e al lessico) ed individuare un titolo. In poche parole un saggio breve dev’essere un’esposizione dei dati, presentazione della propria tesi e conclusione. Naturalmente questa scaletta non cambia se ci si trova a redigere un saggio breve storico-politico, un saggio breve artistico-letterario, un saggio breve socio-economico o infine un saggio breve tecnico-scientifico.

Prima fase per scrivere un saggio: prescrittura

saggioQuesta fase comprende le operazioni preliminari alla stesura del testo ed è consigliabile che tale fase non occupi più di 30 minuti. Leggete ed analizzate gli argomenti, scegliete cosa scrivere secondo le vostre conoscenze, attitudini, inclinazioni personali, rileggete la traccia e verificate l’esistenza di argomenti secondari correlati, scegliete il destinatario a cui rivolgervi e il registro stilistica da usare. Esistono due registri: formale, con sintassi complicata e lessico molto specialistico; informale, per situazioni di quotidianità con sintassi semplice, frasi brevi e lessico generico. Mentre lo stile potrà essere ipotattico con frasi chiare e un discorso leggero e paratattico con frasi non banali e informativo.

Scrittura

Una volta terminata questa fase passiamo alla seconda fase per scrivere un saggio breve, la scrittura. Le operazioni di scrittura sono: risposta alle consegna, stesura dell’introduzione: occorre che non sia troppo ampia. I paragrafi hanno le seguenti caratteristiche: presentazione dell’argomento centrale del paragrafo enunciando o descrivendo il concetto cardine; argomentazione di fatti o di elementi collegati all’argomento centrale. L’ordine dei paragrafi può essere cronologico, di causa-effetto, ecc, ma deve essere comunque logico e ben correlato, perciò è importante usare congiunzioni e avverbi.

Post scrittura

studiareUna volta scritto il saggio breve, rileggete le operazioni di post scrittura sono: rilettura del testo, correzione di eventuali errori e copiatura.