allena concentrazioneOttenere una maggiore concentrazione nello studio è qualcosa che si può raggiungere anche se non hai mai appreso tecniche particolari per migliorare la tua velocità di apprendimento.

Nel momento in cui sto scrivendo si approssimano per molti studenti del liceo le sessioni degli esami di Maturità e, conseguentemente le ore passate di fronte ai libri.

Purtroppo quello che moltissimi studenti ignorano completamente è che ad un numero maggiore di ore passate a studiare molto di rado consegue un aumento delle nozioni acquisite.

Anzi molto spesso avviene il contrario!

Oltre un certo limite, più passi le ore a studiare e meno impari.

Ottenere una maggiore concentrazione nello studio riguarda lo studiare meno e lo studiare meglio.

Già ma come?

Faccio un piccolissima premessa. Breve davvero, non vorrei toglierti tempo allo studio 😀

La prima cosa che devi sapere è che il corpo umano non è fatto per stare fermo e non è fatto per stare chino sui libri. So che l’hai sempre sospettato.

In quanto esseri umani siamo fatti per fare una vita attiva, molto attiva.

Pensa ai tempi antichi. Se non eri in grado di procacciarti il cibo, semplicemente non mangiavi.

Altro che esami! L’esame era tutti i giorni!

Nel corso dei millenni la società è cambiata enormemente e sono cambiati gli stili di vita, oggi molto più sedentari, ma non è cambiato strutturalmente il nostro corpo e il nostro cervello.

Questo per dirti brevemente che a stare seduti a studiare per lungo tempo il nostro cervello funziona male. Fatti casi eccezionali il tuo livello di performance decade con il protrarsi delle ore passate sui libri.

La soluzione è, visto che proprio siamo costretti a studiare, quella di abbinare dell’attività fisica. Ma non ti preoccupare, non c’è bisogno che diventi un atleta dall’oggi al domani per migliorare la tua concentrazione nello studio.

Ecco tre stratagemmi legati allo sport che puoi usare da subito.

Strategia numero uno: Imposta un programma

focus-concentrazioneTutti i programmi sportivi vanno in progressione e hanno una finalità ben precisa. Studiare è uno skill come tutti gli altri e distruggersi genera gli stessi effetti di un allenamento troppo intenso.

Imposta un programma a tappe che possano essere realizzate in mezz’ora. Focalizzati solo su quello. Se per la materia o l’esame che stai preparando servono i libri A, B e C scegli l’ordine e poi fai una scaletta del materiale da studiare per ogni libro.

Obiettivo chiaro, percorso chiaro.

Strategia numero due: Fai delle pause.

Non saltarle mai! Qualsiasi sportivo ti dirà questo: Il recupero è metà dell’allenamento. Senza recupero non puoi compensare e non puoi ricaricarti per la sessione successiva.

Questo vale per lo spazio di tempo tra un allenamento e l’altro e anche per i singoli esercizi all’interno della stessa sessione.

Pensa ai pugili: 3 minuti di lavoro e 1 di recupero.
Lega questo schema a quelli che sono i tempi medi di attenzione e resa dell’attività mentale.

Ogni 20-25 minuti fai una pausa di 5 minuti.
Sempre.

Ogni due ore fai una pausa lunga e falla all’aria aperta. Esci, muoviti, fai una chiacchierata, fai una commissione. Quello che vuoi basta che ti stacchi dai libri o dal computer.

Hai capito bene, Facebook non va bene come pausa.

Sin qui pensavi fosse facile vero?

Strategia numero tre: Fai una attività fisica di qualsiasi tipo

attivita-fisica-apprendimentoNon scherzo.

Se vuoi rendere al massimo fai muovere il tuo corpo. Scarica lo stress e ricarica la mente.

Scegli un’attività fisica che ti piaccia e che ti diverta.
Non chiuderti in palestra a sollevare pesi o ad alienarti sul tapis roulant (a meno che a te non piaccia) solo perché è più comodo.

Vai a correre, fai una passeggiata, organizzati una partita di calcetto, di ping pong, yoga, danza, quello che vuoi purché sia qualcosa che interessi il fisico.

Alterna attività ad alto impatto con altre a basso impatto. Se un giorno vai a correre il giorno dopo cammina o concediti un massaggio o una seduta di stretching.

Bastano anche 20 minuti.

Infine per concludere.

Spesso lo si da per scontato mentre scontato non lo è per niente.

Cura la tua idratazione bevendo almeno 2 litri di acqua al giorno e dormendo regolarmente.

Dormi le 8 ore canoniche e sii regolare con gli orari in cui vai a letto e in cui ti alzi.

Non è importante, è importantissimo.

La storia che chi dorme non piglia pesci è una fesseria.

Basta che non passi tutto il giorno a dormire.

Questo è il primo articolo di Massimo Fenu per Memosystem, se vuoi saperne di più su di lui e del perché scriva su questo sito ti consiglio di leggere la sua presentazione che trovi qua.