Nel suo libro “Alfa e Beta” Piero Angela esprime, partendo da una discussione di due personaggi immaginari, ALFA e BETA, la sua opinione sull’apprendimento delle lingue. Ecco qua sotto vi voglio riportare il brano di questo libro.

ALFA: Se tu parlassi solo il tuo dialetto d’origine (piemontese, o siciliano o sardo) e non sapessi neppure leggere l’italiano, che tipo di lavoro potresti svolgere oggi?

BETA: Beh, potrei fare il contadino, il muratore o l’artigiano.

ALFA: Esatto. Se tu non conoscessi l’italiano non potresti svolgere la maggior parte dei mestieri e delle professioni.

Il fatto è che l’italiano comincia a trovarsi nella stessa posizione del dialetto, perché la comunicazione sta diventando mondiale, e senza la conoscenza delle lingue ti trovi ormai tagliato fuori da molte cose.

BETA: Già, ma come si imparano le lingue?

ALFA: Cominciamo a definire meglio il nostro obiettivo, ponendoci un’altra domanda: vogliamo imparare una lingua per poter comunicare con gli altri (cioè parlare al telefono, leggere quello che si stampa, ecc.)? Oppure vogliamo impararla per diventare un romanziere in quella lingua?

BETA: Non mi sembra che ci siano dubbi: imparare per comunicare.

ALFA: Allora c’è un ostacolo di base, nell’insegnamento delle lingue straniere: si insegna molta grammatica e pochi vocaboli. Se tu invece chiedi come hanno fatto coloro che parlano correntemente una lingua, ti diranno: studiando i vocaboli.

Se infatti si conoscono due o tremila vocaboli, cuciti insieme da un po’ di grammatica, si riesce grosso modo a comunicare, leggere, parlare. E, cosa ancora più importante, è possibile così perfezionarsi con l’esercizio.

A quel punto la grammatica si mette a posto da sola, con la pratica.

Oggi esistono dei mezzi di apprendimento audiovisivi che consentono di imparare molto più rapidamente i vocaboli, perché mettono in moto nel cervello una più ricca attivazione dei centri di memorizzazione.

Che ne pensi? Hai mai provato ad usare le tecniche di memoria per imparare una lingua?

Aspetto i tuoi commenti! 😉