Ricordare i nomi delle persone è una grande sfida per la maggior parte di noi: non solo facciamo fatica a ricordare i nomi di personaggi storici, persone famose o sconosciuti, ma anche di persone che abbiamo appena conosciuto! A volte non riusciamo neppure ad associare un nome ad un volto, ed in alcuni casi questa difficoltà può costare cara! In effetti è dimostrato che chi riesce a ricordare i nomi delle persone è in genere più portato a sviluppare buone relazioni sociali, senza contare l’importanza di ricordare il nome di un nuovo capo o di un’insegnante!

Sebbene tutti vorrebbero possedere questa qualità in maniera innata, molti non riescono a ricordare i nomi delle persone che hanno incontrato, sanno di conoscere quella determinata persona, ma non sono in grado di individuare il nome, o di associarlo al volto conosciuto.

Prima di capire come imparare a ricordare i nomi è necessario comprendere l’importanza di utilizzare il nome di un’altra persona: William Shakespeare diceva: “Non c’è suono così dolce come il suono del proprio nome”, e non a torto: chiamando per nome l’altra persona si viene a creare una connessione e di riconoscimento, che trasmette all’altro la sensazione di essere per noi una persona di una certa importanza, degna di essere ricordate: dunque l’altro si sente felice di essere riconosciuto, mentre tu ti sentirai più affabile e premuroso verso l’altro, ed immancabilmente si verrà a creare un rapporto positivo.Ricorda che le prime impressioni contano molto e non si può avere un’altra possibilità di fare una buona impressione.

Insomma, utilizzare il nome di una persona è la chiave per aprire le porte del mantenimento di un rapporto iniziale che potrebbe trasformare questa persona in un nuovo amico di un contatto lavorativo importante. Ecco le cinque regole che ti insegneranno a ricordare più facilmente i nomi, e ad associarli a dei volti.

nome

1 ascoltare è la priorità principale. La ragione principale per cui non sei in grado di ricordare il nome di qualcuno potrebbe essere questa: non hai ascoltato il suo nome al vostro incontro. A volte si è distratti e non particolarmente interessati quando si conosce un’altra persona, altre volte si è così ansiosi di fare una buona impressione che tutta la concentrazione e le preoccupazioni sono riversate su se stessi; in ogni caso, impara a concentrare tutta la tua attenzione verso l’altro ed ascoltare ciò che dice al vostro incontro.  

2. l’introduzione di una persona è sempre un evento veloce. Specialmente se ci sono molte persone ad un incontro, ricordare tutti i nomi diventa estremamente difficile. In questo caso, prima ancora di dire il tuo nome, ascolta con la massima attenzione il nome dell’altra persona. Certamente, per ricordarti di tutti, dovresti essere spinto da un forte desiderio di ricordare queste persone. Ebbene, prova a pensare che ognuno di loro potrebbe essere estremamente utile o importante, o particolarmente caro a te una volta conosciuto.

3. Non aver paura a chiedere di nuovo. Se non ha capito il nome di una persona, o se anche non riesci a ricordare il nome di un personaggio storico a lezione, chiedi di ripeterlo. Potresti sentirti in imbarazzo, ma farai sicuramente più bella figura rispetto a ritrovarti nella situazione di dover chiamare questa persona per nome e non saperlo!

4. Provare a utilizzare il nome nelle prime parole della conversione. Ripetere immediatamente il nome per un paio di volte in alcune frasi ti aiuterà sicuramente. Se ad esempio ad una festa un amico ti presenta una certa “Claudia!, prova a dire: “Ciao Claudia, è un piacere conoscerti”. Oppure “Ciao Claudia, anche tu conosci Michele?”

5. Collegare il nome con il viso. Cerca, nei limiti del tempo che hai disposizione, di osservare le persone che hai incontrato, il loro modo di vestire, di agire, il loro volto, e pensare se questo si associa o meno al loro nome. Con un po’ di fantasia, puoi trovare un segno particolare che richiama proprio il loro nome.