Ciao lettore Memosystiano,

si, proprio tu, non fare il timido! Non si tratta di un’interrogazione! Lo so che appena ti trovi in piedi davanti alla lavagna ti tremano le gambe, e anche quando pensi di aver studiato al momento di dover tirare fuori quelle benedette nozioni ti si svuota il cervello, tabula rasa!
Si chiama ansia da esame, e prima o poi fidati che ci passano tutti. Ti confido una cosa: io non ho mai avuto paura delle interrogazioni a scuola, ma quando si trattava di dover affrontare il professore i matematica, beh mi prendeva il panico!

Insomma che fare in questi casi?

ansia

1) Fiducia in te stesso

Gran parte dell’ansia che ti travolge è dettata dalla mancanza di fiducia  in te stesso e dai pensieri negativi che prendono il sopravvento. Per rimediare, esiste ciò che si chiama “rinforzo positivo”, o “pensiero positivo”: si tratta in pratica di ripetere una sorta di mantra positivo per auto-convincersi delle proprie capacità. Invece di pensare “non ce la farò mai”, “farò scena muta”… impara a ripetere a te stesso, anche ad alta voce e già giorni prima dell’esame, anche quando non ne sei affatto convinto, frasi come “posso farlo”, o “io merito di raggiungere i miei obiettivi.”
Dire qualcosa di positivo per se stessi ti può sembrare banale, ma contrariamente ti infonderà ben presto la fiducia che ti mancava.

2) Preparato, ma non troppo

Preparati a dovere per le tue prove d’esame. Se ti ritroverai a studiare tutto all’ultimo minuto, o peggio, la pigrizia avrà preso il sopravvento, ti ritroverai irrimediabilmente assalito dall’ansia. Quindi studia giorno per giorno, prendi appunti a scuola, supera la timidezza e fai domande quando non hai capito: soprattutto quest’ultima è una buona abitudine che ti permetterà di prendere confidenza con il “parlare di fronte alla classe”.
Non commettere però l’errore di studiare troppo! A volte anche studiare ininterrottamente può portare a grosse aspettative e di conseguenza alla paura di non superare quelle aspettative.

3) Un luogo lontano

E se l’ansia ci assale una volta raggiunta l’aula? Ovviamente, il posto più rilassante del mondo non è un aula di scuola. Prova ad immaginare te stesso in un luogo che per te è fonte di calma e serenità. Prova ad esempio ad immaginarti in un grande prato verde, al tramonto, con l’erba che ti accarezza. Osservare o immaginare luoghi naturali ad esempio infonde calma ed aiuta la concentrazione.

4) scopri lo yoga

Diversi studi hanno più volte dimostrato come, nelle persone che praticano lo yoga, si registra un aumento dei livelli di acido gamma-amminobutirrico (GABA), il principale neurotrasmettitore inibitorio del sistema nervoso centrale. Viceversa, lo stress provoca una riduzione dell’attività dell’aminoacido GABA, con effetti negativi sul nostro organismo. Lo yoga quindi può essere un’attività fortemente anti-stress, che ti può aiutare a ritrovare serenità prima di un esame difficile.

5) Il giusto lifestyle

Lo “stile di vita” incide tantissimo sulle proprie emozioni: fare attività fisica, specie se all’aria aperta migliora il buonumore e contribuisce a rendere le persone più ottimiste, mentre l’alimentazione corretta può davvero cambiarti la giornata! No, non sto esagerando, il cibo è tutto ciò che di estraneo immettiamo nel nostro corpo, no ci avevi mai pensato? E così come sull’organismo, ha dirette conseguenze anche sullo spirito, sulle nostre emozioni.

Vuoi saperne di più? Nel prossimo articolo ti parlerò degli alimenti anti-ansia e della dieta da seguire prima di un esame importante!