Con quest’articolo voglio presentarti Massimo Fenu.

Aiuterà il blog a crescere con articoli molto interessanti che arrivano da un punto di vista originale e diverso dal solito.

Massimo è un grande esperto di Arti Marziali, Mental Coaching e tecniche di apprendimento.

Ma sui dettagli su chi è e perché scriverà di apprendimento in questo blog lascio a lui la parola.

massimo-fenu-krav-magaOk, sinceramente… io mi metto nei tuoi panni.

Un insegnante di arti marziali che spiega tecniche di apprendimento?

Ma dove si è mai sentito?

Eh, che ti devo dire?

Diciamo che non mi è mai piaciuto seguire i metodi tradizionali di insegnamento.

Allenati, non fare domande, giù e zitto a ripetere lo stesso movimento migliaia di volte.

Che palle.

Non mi è mai piaciuto perché, anche se c’è un fondo di verità in questo genere di apprendimento, trovo che sia estremamente demotivante per una mente occidentale…

… ed alla fin fine richieda tempi infiniti per raggiungere risultati.

Pratico da più di 30 anni oramai ma se mi fossi arreso a fare come fanno tutti non sarei durato un anno. Forse anche meno.

Gioco forza il mio percorso nelle arti marziali è sempre stato un cammino parallelo con l’apprendimento di tecniche per rendere la propria mente più veloce e profonda nell’acquisire informazioni.

Dopo il primo periodo passato a studiare stili tradizionali per me è stata una sfida continua iscrivermi in nuove palestre e cercare di primeggiare grazie ad un metodo diverso nell’elaborare le informazioni. Non essendo particolarmente forte, grosso o veloce, la mente era l’unica arma che potevo affilare e migliorare nel tempo.

Non sto a farti l’elenco ma diciamo che qualche soddisfazione me la sono tolta e continuo a togliermela tutt’ora gareggiando e facendo risultato alla veneranda età di 43 anni. Se sei curioso puoi vedere il mio curriculum completo su Linkedin e sul sito della federazione internazionale di Krav Maga che rappresento come direttore italiano.

La svolta però per me è stata dieci anni fa quando ho iniziato a notare come le metodologie sviluppate nell’allenamento avessero effetti molto forti su tutti gli altri ambiti relativi all’apprendimento. Per dirla in modo semplice i miei studenti nel corso di questi anni mi hanno ringraziato molto di più per quello che hanno migliorato nella loro capacità di studio, concentrazione e di controllo dell’ansia durante gli esami che per le rare volte in cui si sono trovati a doversi difendere.

Come era possibile?

Nel mio curriculum di studi, accanto all’addestramento fisico, rientrano la Programmazione Neuro Linguistica, il Mental Coaching e studi sull’apprendimento accelerato.

Oggi mi rendo conto che quello che ho fatto è stato immergere queste conoscenze nell’ambito dell’allenamento e dell’insegnamento del combattimento e poi tirarle nuovamente fuori. Il risultato è qualcosa di simile ma anche profondamente diverso.

Si dice che mente e corpo siano indissolubilmente legati e che si influenzino a vicenda.

Quello che posso dirti io è che sicuramente anche per lo studio più teorico se non ti curi del corpo la tua mente funzionerà tenendo il minimo.

A te la scelta.