Le settimane precedenti a un esame sono fatte spesso di notti insonni, ansia e un generale stato di salute precario. Perché ogni volta deve essere così? Possibile che non ci siano dei trucchi per studiare meglio, che magicamente facciano funzionare quella testa in modo che tu possa assimilare tutte le nozioni che ti servono in poco tempo.

Certo, su Memosystem trovi corsi che ti insegnano ad apprendere velocemente, ma riuscire a concentrarsi sullo studio resta comunque molto difficile.

Poiché so bene che su questo argomento sono stati spesi fiumi di parole per finire a leggere sempre gli stessi consigli, voglio provare a darti un decalogo di piccoli suggerimenti originali, volti ad aggirare gli ostacoli che la nostra stessa mente crea per evadere dai doveri di studente.

Attenzione: se non sei abituato all’insolito, questo articolo non fa per te. Se invece sei aperto a tentare nuove strade e trucchi per studiare meglio, continua pure.

1. Ricompensati per ogni progresso

Stai studiando su un libro? Metti un orsetto gommoso su ogni paragrafo e quando hai terminato di studiarne uno, mangia quello sul paragrafo successivo come ricompensa. Se non ti piacciono gli orsetti gommosi, metti un biscotto, un arrosticino, una sigaretta o qualsiasi cosa ti piaccia.

Evita l’alcol, però: devi ricordarti ciò che studi!

2. Leggi sottosopra

Questa ti suona veramente strana, vero? E invece, pensa un po’, funziona soprattutto quando devi studiare in fretta: leggi sottosopra e ad alta voce. È un procedimento più lento, ma paradossalmente ti farà risparmiare del tempo: dovrai focalizzare il doppio, anzi il triplo, dell’attenzione su cosa stai leggendo e dicendo. In questo modo, ciò che leggi si imprimerà nella tua mente più facilmente.

3. Coinvolgi più sensi

Stai studiando su un libro? Tocca la carta delle pagine, annusa una fragranza, ripeti ad alta voce, usa evidenziatori e penne di colori diversi. Più sensi coinvolgi nello studio, più ciò che leggi si stabilirà nella tua mente.

4. Prenditi una pausa per ridere

La tua curva dell’attenzione è quella che è, quindi inutile fingere di poter sostenere una maratona di ore e ore di studio. Piuttosto, prenditi delle pause. E quando lo fai, fa’ qualcosa che ti faccia ridere, come guardare un video stupido su Youtube o una puntata di Big Bang Theory, per esempio. Questo aiuterà a rompere la tensione e rendere il carico di studio più leggero.

5. Fai coppia fissa con un compagno

Trova un compagno di corso o di classe con cui studiare e stipulate il seguente accordo: quando uno dei due non capisce qualcosa, l’altro deve spiegarlo. Questo vi forzerà a comunicare verbalmente ciò che state studiando e a rendere il vostro discorso più comprensibile.

6. Indossa un orologio

Tenere traccia del tempo che passa è importante: quando studi sembra che passi un’eternità, per poi accorgerti con piacere che hai studiato un capitolo intero in pochi minuti. Inoltre, è utile anche per cronometrare le pause. Ma attenzione: usa un orologio classico, mai quello dello smartphone: ogni notifica ti sembrerà urgente tanto da doverla leggere subito. E poi il giorno dell’interrogazione o dell’esame non avrai mica la possibilità di guardare il cellulare, sai?

7. Insegna a una classe di peluche

Prendi qualche peluche che hai in casa, qualche bambola o qualsiasi giocattolo che ricordi vagamente un essere umano e sistemali tutti in riga, come se fossero una vera e propria classe e spiega loro ciò che devi studiare. Questo ti aiuterà a vincere la paura di non essere compreso, aumentando la tua sicurezza e costringendoti a parlare ad alta voce.

8. Procurati una lavagna

Se ne hai lo spazio nel tuo ambiente di studio, procurati una lavagna. Magari di quelle bianche, che non sporcano in giro con la polvere di gesso e non fanno quel rumore assurdo se le graffi. Le lavagne sono grandi, c’è tanto spazio per creare elenchi e mappe mentali e per mettere in evidenza i concetti più importanti, poi se sbagli puoi cancellare tutto senza troppe storie.

9. Bevi e mangia frutta

Durante lo studio è normale aver bisogno di zuccheri e liquidi per rendere al meglio, ma anziché rimpinzarti di patatine e Red Bull, resta sul semplice e su ciò che ti fa realmente bene, come la frutta e l’acqua. Sapevi, per esempio, che i mirtilli migliorano la memoria?

10. Crea associazioni mentali

Relaziona ciò che impari a ciò che sai. E se non è possibile, inventa le relazioni. È una tecnica che funziona molto con le lingue e con le date. Per esempio: hai imparato che “rosso” in inglese si dice “red”. Crea una connessione tra le due cose: iniziano entrambe per R e sono entrambe parole brevi, oppure immagina qualcosa che abbia la scritta “red” nella tua mente.

Altri trucchi per studiare meglio

La lista non si esaurisce sicuramente ai miei dieci consigli. Sapresti aggiungerne altri, magari tratti dalla tua esperienza personale?

Dì pure la tua in un commento.